AMIANTO: CONTROLLI IN SINERGIA TRA ENTI PER DARE RISPOSTE PIU’ EFFICACI

Quando gli enti dialogano efficacemente, gli effetti positivi si possono riscontrare sia nel servizio reso alla collettività e sia nelle risposte date alle istanze del cittadino. E’ su questo principio che a Catanzaro alcuni enti deputati al controllo sanitario e ambientale, insieme al Comune, hanno deciso di concordare una procedura per evitare, appunto, interventi “raddoppiati” ed un appesantimento di burocrazia in un settore molto delicato come quello del controllo dello stato di conservazione dei manufatti contenenti amianto.Il Servizio Suolo e Rifiuti del Dipartimento provinciale di Catanzaro dell’Arpacal, infatti, insieme all’Unità Operativa Igiene e Sanità Pubblica dell’ASP, ed il Settore Igiene Ambientale del Comune di Catanzaro, hanno concordato una procedura operativa per la gestione degli esposti/denunce riguardanti fabbricati ubicati nel territorio comunale per i quali si sospetta la presenza di amianto.

La procedura prevede un sopralluogo congiunto di tecnici per la verifica delle criticità denunciate, la valutazione delle successive azioni di rispettiva competenza degli enti, Asp e Arpacal e Comune, con l’eventuale coinvolgimento della Polizia Municipale. Successivamente, è prevista l’attivazione da parte del Comune di un procedimento amministrativo a carico dei titolari dell’immobile per la valutazione della pericolosità da amianto e l’eventuale necessità d’interventi di bonifica. La procedura operativa si conclude con successivo controllo sugli adempimenti impartiti e sugli esiti della suddetta valutazione.

I campioni eventualmente prelevati vengono inviati al Centro Geologia e Amianto dell’Arpacal, direttore dalla dr.ssa Teresa Oranges, per essere sottoposti ad analisi di laboratorio per confermare la presenza di amianto in tutti i materiali investigati.

Sul fronte delle attività svolte dal Servizio Suolo e Rifiuti del Dipartimento provinciale di Catanzaro dell’Arpacal, è consultabile online sul sito web www.arpacal.it il report delle attività svolte nel 2016 nel controllo su siti ubicati nel territorio provinciale potenzialmente interessati dalla presenza di amianto sia in materiali utilizzati per la costruzione di manufatti e sia in rifiuti depositati in modo incontrollato o in stato di abbandono.  

PREMIO LETTERARIO “SALVATORE PICCOLI”,  PRESENTAZIONE DELLA CERIMONIA DI PREMIAZIONE

Un premio letterario per ricordare “Salvatore Piccoli”, scrittore e storico calabrese, nato a Castagna, frazione di Carlopoli,scomparso nel 2012. Il suo comune d’origine ha deciso di dedicare allo studioso del pensiero gioachimita, di storia medievale e risorgimentale, autore di diverse opere di storia, di poesia e narrativa, una iniziativa letteraria di ampio respiro alla quale hanno partecipato numerosi scrittori.La cerimonia di premiazione si svolgerà sabato 25 marzo nella Sala Consiliare del Comune di Carlopoli, ma la manifestazione sarà presentata domani, venerdì 17 marzo, alle ore 11 nel corso di una conferenza stampa che si terrà nella Sala Giunta della Provincia di Catanzaro, alla presenza, oltre che del presidente dell’Ente intermedio, Enzo Bruno, di Mario Talarico, sindaco del Comune di Carlopoli; Maria Antonietta Sacco, consigliera del Comune di Carlopoli e la responsabile del Premio; Silvana Amoroso, moglie di Salvatore Piccoli; Antonio Mangiafave, referente del Progetto Gedeone dell’Abbazia di Corazzo.

Cataldo Perri all’Oratorio del Carmine ospite del cartellone di No(t)te d’Autore

Ancora grande musica a No(t)te d’Autore, la rassegna organizzata dall’associazione Arangara, con il sostegno della Regione Calabria e la direzione artistica di Marcello Barillà e Gianfranco Riccelli. Venerdì 17 marzo alle 20.30, l’Oratorio del Carmine ospiterà infatti Cataldo Perri, uno dei nomi più prestigiosi del panorama musicale calabrese, cantautore conosciuto e apprezzato a livello internazionale. Nel concerto catanzarese, Perri sarà accompagnato dal suo “Squintetto” (Piero Gallina, Enzo Naccarato, Nicola Pisani, Carlo Cimino, Checco Pallone) e da un tripudio di strumenti, tradizionali e non, tra i quali spicca la chitarra battente, di cui Cataldo è maestro indiscusso. È pressoché impossibile racchiudere in poche righe la carriera artistica di Perri, fatta com’è di dischi, opere teatrali, musiche per la TV e per la radio, libri, concerti in giro per il mondo, festival tra i più prestigiosi e tanti, tanti riconoscimenti al suo talento. Insomma, anche questo un concerto da non perdere e da gustare, in questo caso, con quel pizzico di orgoglio calabrese che non guasta mai.Il concerto di Cataldo Perri sarà aperto da Salvatore Gullì, che torna sul palcoscenico del Carmine per espressa richiesta del pubblico, che ha apprezzato molto il cantautore avvocato di Borgia. E poi ancora, Notte d’Autore si è concessa una “chicca”: una personale di Antonello Iuliano, in arte Janto, artista la cui produzione parte dalla scultura, dall’intaglio, dal bassorilievo e da materiali duttili e meno duttili, come pietra, granito, gesso. Il suo è un tipico caso di arte resiliente. Gli ultimi lavori sono dei ritratti eseguiti con la tecnica dello “sgraffio”, due intonaci di colore diverso per creare l’effetto chiaro scuro. Al Carmine saranno esposte alcune opere che ritraggono personaggi della musica.