DNA 13/10/2019

Fare attività fisica è importante, per alcune persone diventa fondamentale per poter vivere una vita dignitosa. E’ il caso dei pazienti ricoverati nel Centro di Cura Regionale (CRR) per la fibrosi cistica nell’Ospedale Giovanni Paolo II di Lamezia Terme. Giovedì 17 ottobre, verrà inagurata la palestra allestita all’interno del Centro, presente già da cinque anni ma mai utilizzata perchè inidonea.

I pazienti ricoverati potranno, grazie al progetto “Un respiro in più”, usufruire finalmente degli appositi macchinari utili allo svolgimento di idonea e regolare attività fisica, in grado di agire positivamente sulla capacità di esercizio, sulla forza e sulla massa muscolare, sulla sensazione di benessere e sulla qualità di vita di ciascuno di essi.

Un obiettivo importante quello raggiunto grazie al lavoro della Lega Italiana Fibrosi Cistica Calabria – che ha fortemente voluto la creazione del Centro che rappresenta un punto di riferimento per gli oltre 180 pazienti distribuiti sull’intero territorio calabrese – alla grande professionalità dei fisioterapisti, alla disponibilità della Responsabile del CRR, Mimma Caloiero, ai medici e a tutto il personale paramedico del Centro. 

Importante l’azione messa in campo dal Rotary Club Catanzaro e dal Rotary Club Lamezia Terme che hanno dato avvio ad una raccolta fondi che ha consentito l’acquisto di un depuratore d’aria che, eliminando i microrganismi infettivi trasportati dall’aria all’interno della palestra, renderà l’accesso al suo interno del tutto sicuro per ciascun paziente.

All’inaugurazione interverranno il presidente nazionale della Lega Italiana Fibrosi Cistica, Giovanna Puppo; la presidente regionale, Alessandra Rotella; il direttore sanitario dell’Ospedale Giovanni Paolo II di Lamezia Terme, Antonio Gallucci; la responsabile del Centro di Cura, Mimma Caloiero e tutti i medici e paramedici impegnati quotidianamente a fornire la massima assistenza ai pazienti; il presidente del Rotary Club Catanzaro e Lamezia Terme, rispettivamente Giuseppe Mazzei e Natalia Majello.